1 anno di Zero Waste + i rifiuti di Febbraio

February 28, 2017

Oggi è un giorno speciale per due ragione, innanzitutto è un anno da quando ho deciso di fare il primo passo verso lo stile di vita zero waste, inoltre si conclude il mio primo mese usando un barattolo per raccogliere i nostri rifiuti.

 

Un anno di zero waste

Un anno fa stavo facendo il mio primo dentifricio e deodorante fatti in casa, e ne stavo timidamente postando una foto sul mio account personale.

 

Subito dopo aver postato la foto, in cui menzionavo Lauren Singer, ho visto che un paio di miei amici l'avevano iniziata a seguire su Instagram, questo piccolo dettaglio mi ha fatto realizzare che ciò che facciamo ha un reale impatto nel mondo, e che possiamo scegliere che tipo di impatto vogliamo avere. Non importa se l'impatto che abbiamo sembra piccolo, come ad esempio far si che un paio di persone si informino sul movimento zero waste per la prima volta, o convincere qualcuno ad iniziare ad usare una borraccia, perché io credo realmente che ogni piccolo cambiamento conti.

 

Prendete l'esempio della borraccia, magari dopo aver postato molti articoli sull'inquinamento provocato dalla plastica, sui rischi salutari connessi all'uso della plastica e sulla convenienza economica dell'usare la propria borraccia, uno dei vostri amici decide di iniziare a farlo, cosa implicherebbe in termini di numeri?

 

Diciamo che solitamente comprasse un bottiglietta da 0,5 L di acqua ogni giorno feriale, perciò risparmierebbe un totale di circa 260 bottiglie l'anno. Ma quale è l'impatto di 260 bottigliette d'acqua?

Considerate che ci vogliono circa 3 litri di acqua e 0,25 litri di petrolio per fare una bottiglia d'acqua da 1 litro, e, se si include anche l'energia implicata nel trasporto, le emissioni totali di una bottiglia da 1 litro sono circa 165,6g di CO2 (escludendo l'energia necessaria per smaltirla/riciclarla).

Questo significa che non comprando bottigliette d'acqua per un anno si risparmiano 260 L di acqua (considerando solo quella necessaria per produrre la bottiglia), 32,5 L di petrolio e un totale di 21,528 kg di CO2, che corrisponde alla quantità emessa da una Fiat 500 per percorrere 116km.

Malgrado questo possa sembrare poco rispetto alle emissioni totali di un paese, o anche solo di un 
individuo, è un numero piuttosto alto se si considera che è semplicemente l'effetto che si ha bevendo una bottiglietta di acqua al giorno.

 

Comunque, tornando al mio anniversario zero waste! È stato un anno fantastico, ho imparato a ridurre non solo i miei rifiuti, ma le cose di cui ho bisogno in generale, minimizzando moltissimo i miei beni e i miei bisogni.

Questo ha fatto si che avessi più tempo libero, più soldi e mi ha fatto trovare una fantastica comunità in cui ispirare ed essere ispirata!

Onestamente quando ho iniziato mi sembrava impossibile poter vivere realmente "zero waste", e malgrado non sia perfetta e continui a cercare di migliorare, devo dire che il mio stile di vita è cambiato completamente, è più salutare, più naturale, più minimalista e più semplice.

 

Ho imparato ad identificare facilmente quali cose siano importanti per me, quali invece siano superficiali, ma anche quali cose superficiali mi piaccia avere nella mia vita.

Ho anche imparato molto sull'impatto che gli individui hanno sul pianeta nei vari modi in cui vivono le loro vite, e quali alternative esistano che possano aiutare a mitigare questo impatto.

Sono davvero felice di aver iniziato e di essere rimasta su questo percorso, di aver convinto Giulio ad unirsi a me e di aver ispirato vari amici a cambiare alcune delle loro abitudini in modo da produrre meno rifiuti.

 

L' "esperimento" del barattolo

 

Dopo quasi un anno ho finalmente iniziato anche io a mettere in nostri rifiuti in un baratto! ma perché non l'ho iniziato a fare prima?

 

La ragione principale è che la mia transizione verso una vita zero waste è stata piuttosto lenta, ho preferito concentrarmi su piccoli obbiettivi piuttosto che provare ad essere più zero waste possibile dal primo giorno. Questo sia per darmi il tempo necessario per adattarmi, sia perché mi ci  è voluto un po' per trovare opzioni zero waste a Roma e siti che vendessero prodotti privi di plastica in Europa.

 

Comunque, tornando al barattolo, dentro ci sono tutti i rifiuti destinati alla discarica che io e Giulio abbiamo prodotto questo mese, non include perciò tutto quello che può essere riciclato o compostato. Sfortunatamente qui a Cambridge non riusciamo a trovare tutti i prodotti di cui abbiamo bisogno senza packaging, perciò siamo costretti a produrre più rifiuti di quello che vorremmo.

Quando non riusciamo a trovare qualcosa senza packaging di solito prima cerchiamo di trovare delle opzioni senza plastica, e se non ce ne sono (o se costano troppo) semplicemente compriamo pacchi grandi da 1kg, 5kg o 10kg a seconda del tipo di cibo.

 

Il nostro altro problem è che quest'anno non abbiamo un freezer, questo rende molto complicato prepare in anticipo cose come sughi, hamburger di lenticchie etc perciò a volte ci troviamo costretti a comprare delle cose che saremmo stati in grado di farci da soli. Il problema più grande è il sugo, dato che per ora non abbiamo ne lo spazio ne i soldi per comprare le cose necessarie per fare le conserve, il mio piano iniziale era di preparare grandi quantità di sugo e poi congelarle.

Sfortunatamente questo non è stato possibile, perciò per ora continuano a comprare i pelati in latta come facevamo prima.

 

Cosa c'è nel nostro barattolo?

 

Veniamo al vero e proprio contenuto del barattolo!

 

Iniziando dall'angolo in alto a sinistra:

- Le finestrelle di plastica di due confezioni di lasagne che abbiamo comprato mesi fa, non le ricompreremo dato che ora abbiamo una macchina per la pasta e perciò posso tranquillamente farle a mano 

- L'involucro di plastica in cui erano contenuti i nostri bastoncini riutilizzabili, fatti in acciaio inossidabile per la pulizia delle orecchie, dato che questo è un acquisto una-tantum non ci saranno altri involucri come questo nei prossimi mesi  

- Stickers provenienti da confezioni di cibo, spezie, odori e burro. Siamo riusciti a trovare un posto che vende spezie ed odori senza packaging e un burro con involucro riciclabile, perciò anche questa pila dovrebbe diminuire.

- Stickers presenti su frutta e verdura, adesso cerco sempre di comprare quelli senza sticker dato che, a quanto pare, le perone tendono a preferire quelli con

- 2 stickers provenienti da dei burrito (sfortunatamente non possiamo evitarli dato che li usano per scrivere il contenuto del burrito di modo che la cassiera sappia il costo) 

- Tanti tanti scontrini, sfortunatamente molti posti non danno la possibilità di non stamparli e non abbiamo ancora trovato un posto che non utilizzi carta termica 

- Un sacchetto fatto di materiali misti proveniente da un Mac&Cheese che avevamo comprato qualche mese fa (ora semplicemente lo facciamo in casa, ma dovevamo comunque finirlo)

- Tre cosetti tondi bianchi (non so come si chiamino haha) provenienti da due bottigliette di sciroppo d'acero e una bottiglia di latte (di solito beviamo il latte di avena ma ogni tanto compriamo il latte di mucca per alcune ricette)

- Due adesivi per i bagagli che in realtà sono di Dicembre e Gennaio, ma mi ero scordata di toglierli e dato che non abbiamo più il secchio dell'indifferenziata sono finiti nel barattolo 

- Dello nastro adesivo provenienti da alcuni cibi o da dei pacchi che abbiamo ricevuto 

- Un pezzetto di plastica che era intorno al tappo di un'altra bottiglia di sciroppo d'acero (si ci piace molto lo sciroppo d'acero haha)

- Un tappo di plastica che era nella confezione della mia penna stilografica

- Alcuni cerotti e gli equivalenti pezzetti di "carta" bianca su cui sono attaccati. Una volta finito questo pacco di cerotti vogliamo provare ad utilizzare dei pezzetti di stoffa, e vedere come ci troviamo

 

È stato molto interessante vedere non solo quanti ma anche quali rifiuti produciamo, ci aiuta a capire cosa dobbiamo cambiare per ridurli ulteriormente.

Continueremo sicuramente ad usare il sistema del barattolo almeno per i prossimi 11 mesi, e poi se avremo bisogno di un nuovo barattolo inizieremo da capo!

 

 

Quale è stato il tuo primo passo verso lo stile di vita zero waste? Hai avuto una transizione graduale o hai preferito darci un taglio netto? Quali sono le aree in cui produci più rifiuti?

 

 

Dati presi da:

www.onegreenplanet.org/animalsandnature/whats-the-problem-with-plastic-bottles/

http://thewaterproject.org/bottled-water/bottled_water_wasteful

“Research on Carbon Footprint of bottled water” June 2012 Beverage Industry Environmental Table

Please reload

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now